Club Med Magazine

 

Trasporti Maldive: come muoversi internamente tra gli atolli
Homepage > Trasporti Maldive: come muoversi internamente tra gli atolli

Trasporti Maldive: come muoversi internamente tra gli atolli

State progettando una vacanza alle Maldive? Prima di partire per questo arcipelago, vero paradiso terrestre, è bene pianificare il viaggio nei minimi dettagli, per potersi poi dedicare all’ozio più completo tra palme, sabbia bianca e tramonti infuocati sul mare.

Uno degli aspetti da non trascurare è sicuramente quello dei trasporti interni: una volta giunti a destinazione, infatti, potrete avere l’esigenza o la curiosità di spostarvi tra un atollo e l’altro, oppure di esplorare l’entroterra delle isole più grandi e interessanti.

Ecco tutte le informazioni utili su come muoversi alle Maldive.

Premessa: il permesso di viaggio

Prima di tutto una premessa. Spostarsi tra le diverse isole delle Maldive, soprattutto al di fuori dai percorsi turistici tradizionali, può rivelarsi abbastanza complicato: il turismo all’interno dell’arcipelago è infatti regolamentato da protocolli rigidi e in generale i viaggiatori indipendenti potrebbero riscontrare qualche difficoltà.

Se siete determinati ad organizzare il vostro viaggio in solitaria, dovrete richiedere uno speciale visto (diverso da quello turistico “normale”): l’Inter-Atoll Travel Permit, che viene rilasciato dal Ministero dell’amministrazione degli atolli esclusivamente a chi ha un invito da parte di una persona residente nell’isola che si desidera visitare.

Gli idrovolanti

Uno dei mezzi di trasporto più comodi per muoversi all’interno dell’arcipelago è senza dubbio l’idrovolante. La maggiore compagnia che offre questo servizio è la Trans Maldivian Airways, che nel 2013 si è fusa con quella che fino ad allora era la sua principale rivale, la Maldivian Air Taxi.

idrovolante-trasporti-maldive

Idrovolante maldiviano (flowcomm via Flickr)

I mezzi utilizzati sono generalmente agili Twin Otter in grado di ospitare fino a 19 passeggeri: sono abbastanza confortevoli (dall’aprile 2016 alcuni sono anche forniti di aria condizionata) ed equipaggiati con galleggianti per permettere manovre  in acqua. Se state pianificando gli spostamenti interni con questo mezzo, è molto utile sapere che il tempo di attesa nell’idroporto per salire a bordo, anche quando si è prenotato il trasferimento tramite tour operator, va generalmente dalla mezz’ora alle 2 ore. Il viaggio in idrovolante è un’esperienza entusiasmante, visto che costituisce una prima visione dall’alto dell’incredibile bellezza degli atolli maldiviani.

I voli interni alle Maldive

Il vostro volo internazionale per le Maldive atterrerà all’aeroporto di Malé, la capitale. Da qui, se volete visitare le isole più lontane e alcuni degli atolli più belli dell’arcipelago, potete approfittare dei voli interni verso Gan, Fuvahmulah, Hanimaadhoo, Ifuru, Thimarafushi, Kooddoo, Kadhdhoo, Kaadedhdhoo, Dharavandhoo, Maamingili e Fuvahmulah: queste isole ospitano piccoli aeroporti.

L’operatore principale a cui rivolgersi è la compagnia nazionale Maldivian, attiva da qualche anno. Un altro operatore che offre queste tratte è Flyme. Entrambi gestiscono aerei di dimensioni medio-piccole, come i mezzi bimotore ATR 42-550 da 46 posti.

Le barche maldiviane

In alternativa all’idrovolante, potete scegliere di spostarvi tra un’isola e l’altra in barca. Se volete un mezzo  suggestivo, potete provare i “dhoni”, imbarcazioni tradizionali in legno di palma da cocco, dotate di una caratteristica vela ma oggi equipaggiate con moderni motori, utilizzati anche per safari esplorativi e brevi crociere.

dhoni-trasporti-maldive

Dhoni maldiviano (Simon_sees via Flickr)

In alternativa, molte compagnie locali offrono barche veloci e motoscafi coperti che fanno la spola tra un atollo e l’altro e verso la capitale Malé.

All’interno delle isole: i tour a piedi o in scooter

Chi conosce le Maldive lo sa: il mare è il grande protagonista di questo incantevole angolo di mondo, dove le principali attività e attrazioni sono legate all’acqua.

Ma gli atolli più grandi presentano anche un entroterra interessante e tutto da esplorare: in particolare, ci sono moltissime cose da vedere e da fare nella capitale Malé. Qui potrete spostarvi principalmente a piedi, per non perdere nessun dettaglio della città, noleggiando magari uno scooter per muovervi da un punto di interesse ad un altro: le due ruote sono molto più comode e più frequentemente utilizzate rispetto alle automobili.

Disponibili anche numerosi taxi che hanno tariffe fisse di 25 MVR a corsa per le tratte cittadine (il costo è imposto dal governo): potrete utilizzarli per recarvi a visitare l’Islamic Center, il suggestivo mercato del pesce e della frutta o il cimitero monumentale musulmano.

Condividi su
Categoria Maldive
Tag

Commenti

commenti

Articoli correlati